INFO

1. L’efficacia della iscrizione è condizionata al pagamento della quota associativa.

2. L’iscrizione è personale. Al momento dell’iscrizione si autorizza il trattamento dei dati personali secondo quanto previsto dalle leggi vigenti in materia di protezione dei dati personali.

3. In occasione della approvazione del Piano annuale previsionale delle entrate e degli impegni di spesa ordinarie, l’Esecutivo Nazionale, su proposta del Segretario Amministrativo, stabilisce la quota per l’iscrizione all’associazione e determina l’avvio della campagna adesioni. Fino all’apertura della nuova campagna adesioni, perdura l’efficacia dell’iscrizione precedente.

4. Il dipartimento competente dell’associazione promuove e gestisce ogni anno la campagna di iscrizione assicurando adeguata pubblicità.

5. Ogni persona in possesso dei requisiti previsti può iscriversi con le modalità previste nel presente Regolamento.

MODALITÀ DI ISCRIZIONE

 6. L’iscrizione può avvenire:

  • on line tramite il sito www.federazioneitalialibera.it alla sezione aderisci seguendo la procedura indicata.
  • con il modulo cartaceo (compilazione e sottoscrizione del modulo e pagamento della quota associativa tramite c/c postale o bancario).

Il modulo con allegata la copia del pagamento può essere: - consegnato al presidente del proprio circolo territoriale - consegnato al presidente provinciale o di città metropolitana

.7. Il modulo di iscrizione deve essere compilato e firmato per ogni campagna adesione (anche da chi era già iscritto) per confermare la volontà di adesione all’associazione e l’autorizzazione all’utilizzo dei dati personali. Non saranno presi in considerazione come forma di adesione i pagamenti sia singoli che cumulativi non accompagnati dalle schede di adesione compilate e sottoscritte

REGOLAMENTO ADESIONI

L’iscrizione si perfeziona entro 60 giorni dalla richiesta con il nulla osta del coordinatore provinciale o di città metropolitana e la verifica amministrativa del pagamento, a seguito della quale verrà emessa la tessera di iscrizione con numero sequenziale identificativo che avrà anche funzione di ricevuta di pagamento. Il diniego di nulla-osta, motivato, deve avere forma scritta e deve essere inoltrato dal Coordinatore Provinciale al Responsabile del Dipartimento Tesseramento affinchè proceda alle relative comunicazioni. In caso di diniego all’iscrizione, nei 15 giorni successivi alla ricezione della comunicazione, l’interessato può chiedere il riesame della domanda che sarà affidato al Coordinatore Regionale, il quale emetterà nei successivi 15 giorni decisione scritta motivata. Il mancato accoglimento della richiesta di iscrizione comporta la restituzione del pagamento, se effettuato. In casi straordinari, quando la valutazione in merito alla ammissibilità della richiesta di iscrizione richieda una maggiore istruttoria al fine di prevenire l’ingresso nel movimento di soggetti la cui immagine o condotta pubblica non sia in linea con le finalità e il rigore dello stesso, o di scongiurare il rischio di infiltrazioni mafiose o delinquenziali, il Coordinatore Provinciale potrà formulare al Responsabile del Dipartimento Tesseramento una richiesta circostanziata di proroga del termine per esprimersi sul nulla osta. In tali casi, se il Responsabile del Dipartimento Tesseramento ritiene la richiesta accogliibile, comunicherà al richiedente l’iscrizione che la stessa è sospesa fino a nuova comunicazione, che dovrà avvenire comunque entro la fine dell’annualità di riferimento.

9. Le iscrizioni valgono per l’anno solare. Il Dipartimento competente può prevedere un periodo di preiscrizione.

REGOLAMENTO ADESIONI  - I CIRCOLI TERRITORIALI

10.Gli iscritti vengono automaticamente assegnati al circolo territoriale di appartenenza in base alla residenza. In caso di mancanza di circolo territoriale comunale vengono assegnati al circolo territoriale provinciale.

11. Il circolo territoriale è l’unità organizzativa di base del movimento. Opera su un territorio unico, definito e omogeneo, corrispondente generalmente al comune, al municipio o alla circoscrizione. Non possono esserci due circoli che operano nello stesso territorio.

12. Nei comuni in cui si ritiene opportuno possono motivatamente essere costituiti più circoli ai quali viene assegnato dal coordinamento provinciale, su proposta del presidente provinciale, un ambito di competenza territoriale, rispettando il principio della continuità e della unicità. Nei comuni sotto i 15.000 abitanti la suddivisione in più circoli deve essere autorizzata anche dal dipartimento organizzazione nazionale.

13. La costituzione di un circolo territoriale avviene formulando richiesta al proprio Presidente Provinciale o di città metropolitana da parte di un gruppo di almeno dieci iscritti. Il Presidente Provinciale nel ratificare la costituzione del circolo, deve inoltrare all’organizzazione nazionale tramite mail (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) l’avvenuta costituzione del circolo con tutti i dati:

  • Responsabile del circolo (nome, cognome, cellulare ed email) RE
  • Nome del circolo
  • Sede del circolo
  • La specifica del territorio di riferimento (se più comuni indicati i comuni, municipi, circoscrizioni, se porzione di un comune il quartiere o il rione).
  • I nominativi degli iscritti. Il Presidente Provinciale o di città metropolitana provvederà ad inserire nel portale del tesseramento i dati del circolo costituito.

14. Per i circoli già esistenti, entro il 31 gennaio di ogni anno il Presidente Provinciale deve comunicare all’organizzazione nazionale tramite mail (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) la lista dei circoli effettivamente attivi e in regola specificando per ciascuno di questi: • Responsabile del circolo (nome, cognome, cellulare ed email) • Nome del circolo • Sede del circolo • La specifica del territorio di riferimento (se più comuni indicati i comuni, municipi, circoscrizioni, se porzione di un comune il quartiere o il rione). • I nominativi degli iscritti. Entro 30 giorni dall’apertura di ogni campagna adesioni, il Presidente Provinciale o di Città metropolitana deve comunicare all’organizzazione nazionale l’elenco dei circoli territoriale ancora “attivi”, dovendosi considerare tali quelli con almeno 10 iscritti in regola con la nuova iscrizione. In caso contrario il circolo viene chiuso e gli iscritti accorpati nel circolo limitrofo.

Al raggiungimento del numero di dieci iscritti che lo richiedono, sarà possibile ripresentare l’istanza per la riapertura del circolo chiuso.

15. Fin tanto che non viene svolto il congresso di circolo, il Presidente Provinciale può, sentiti gli iscritti, nominare un commissario. Il Presidente del circolo, se eletto a congresso, rimane in carica fino all’indizione del nuovo congresso di circolo

FACOLTÀ E RESPONSABILITÀ DEL PRESIDENTE PROVINCIALE

16. E’ facoltà del Presidente Provinciale e/o Presidente del circolo territoriale nominare un responsabile del tesseramento per le pratiche di inserimento anagrafiche e pagamento quando dovuto, rimanendo comunque il Presidente Provinciale e/o del circolo territoriale l’unico responsabile del trattamento e conservazione dei dati. Ogni richiesta di informazioni o file contenente dati sensibili deve essere fatta esclusivamente dal responsabile dei dati, sia esso Provinciale o di circolo territoriale attraverso richiesta dalla sua mail personale.

17. La raccolta delle adesioni (giustificativi di pagamento della quota e modulo di adesione compilato e firmato) deve essere consegnata esclusivamente al coordinatore provinciale che provvederà all’inserimento all’interno del portale. Non saranno considerate valide le adesioni dei circoli territoriali i cui documenti siano stati spediti, sia per posta ordinaria che tramite mail, alla sede nazionale. Soltanto singole adesioni possono essere consegnate e/o inviate alla sede nazionale.